SOFIA Network:
Stampa

TANZANIA

In Tanzania il 60% della popolazione è privo di elettricità ed il 40% non ha accesso all'acqua potabile. Mancano all’appello 110.000 insegnanti in tutto il paese e questo paralizza il suo sviluppo.
I Padri e Fratelli Missionari Salvatoriani lavorano nella parte più povera del paese - il sud - dove sono gestite diverse scuole, l'Università e tre dispensari.

 

Il Progetto 1 -  Espansione del Jordan University College

 

Orgoglio di tutti i progetti Salvatoriani à la Jordan University nata come istituto teologico e trasformatosi in pochi anni in un centro di eccellenza nella formazione in varie discipline quali: insegnamento, economia e management.
Il numero degli iscritti è passato pochi anni a diverse migliaia di giovani che giungono da vari paesi dell'Africa e che saranno a breve in grado di portare nuove competenze professionali all'Africa.

 

 

 

 

 

 

 

 

Località:

Morogoro

Settore:

Educazione Universitaria

Beneficiari:

3500 Ragazzi/e 

Obiettivo:

Aumentare la capacità e la qualità dell'istruzione superiore al Jordan University College. Contribuire a sviluppare le necessarie conoscenze e competenze per trasformare l’Università in un polo di eccellenza in grado di formare nuova classe dirigente.

Attività:

Costruzione e arredamento di nuove aule e stanze per alloggi; Reclutamento e formazione del personale docente per i nuovi programmi accademici.

 

 


 


Il progetto 2 – Il dispensario di NAMIUNGO

 

Fratel Fulmence è il braccio e l'anima di Namiungo. La sua grande esperienza di infermiere professionista e la sua vocazione hanno reso Namiungo un polo di "eccellenza" della regione.

 

 

 

 

 

 

Località:

 

Namiungo – Sud della Tanzania

Settore:

Salute

Beneficiari:

15.000 persone du cui la metà bambini, popolazione dell’area di Namiungo.

Obiettivo:

Migliorare le condizioni di salute dell’area trasformando il dispensario in un vero Ospedale per la maternità. Essere in grado di affrontare ogni tipo di urgenza, far fronte ai bisogni di cure mediche, formare le levatrici della zona

Attività:

Costruzione ed equipaggiamento della nuova struttura, creazione di un pronto soccorso, realizzazione di corsi di formazione per gli operatori sanitari della regione e di igiene per la popolazione